Cambia l’ora: via quella legale, torna quella solare

Forse sarà l'ultimo cambio ma, comunque dobbiamo, per l'ennesima volta spostare le lancette degli orologi. Ma provare per credere: non è un dramma

Altro cambio di orario, altro salto nel tempo.

Ebbene si. Stasera/notte si ritorna all’ora solare. Quindi le lancette torneranno indietro di un’ora. Cioè le 3 diventeranno le 2. Gli orologi avranno bisogno del nostro impegno “manuale”, mentre gli apparecchi tecnologici faranno tutto da soli.

Il consiglio è sempre lo stesso: prima di abbandonarsi nelle braccia di Morfeo facciamo il giro di casa e adattiamo sveglie, svegliette e altri strumenti segnatempo al nuovo orario. Che poi è quello naturale, quello che da sempre regola il rapporto luce/buio e sonno/veglia. Ma l’uomo, che si crede Dio, non potendo ancora compiere miracoli eclatanti, si accontenta di cambiare per 7 mesi l’anno l’orario ambientale.

Non ci soffermiamo sui danni e i vantaggi di tutti questi viaggi, forzati, nel tempo. Non mancheranno articoli e interviste che ci diranno le stesse identiche cose che ci sentiamo ripetere dal 1966. C’è di vero che con l’ora solare le mattine saranno più luminose ma, di contro, il buio ci piomberà addosso a tradimento rendendo corti e “tristi” i nostri pomeriggi.

IMPORTANTE: non facciamoci prendere dal trip dei disturbi derivanti dal cambio di orario. Stiamo belli tranquilli perché in realtà, non andiamo incontro a nessuna tragedia.

Il Presidente della Commissione Europea, JC Juncker, sussurra che a Bruxelles si pensa di abolire l’ora legale, affidandosi così al corso millenario della Natura. Qualunque decisione prendano le alte sfere ci auguriamo solamente che NON sia un ulteriore motivo di divisione fra gli Stati Europei. Ci mancherebbe anche questa diatriba per frammentarci sempre più.

Riassumendo e lasciando perdere la Commissione Europea: Domenica possiamo dormire un’ora in più. Un suggerimento?: facciamoci, per una volta e in santa pace, la colazione a letto!!!!!

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna