Scapa saluta la nuova stagione con la collezione p/e

Vestire Scapa, in un momento così difficile e confuso dà la sicurezza di essere sempre del mood giusto

Parlando di Scapa e della nuova collezione P/E 2021 chiediamo la licenza per parafrasare un celebre detto: “la moda ci salverà”, soprattutto se unita all’arte e alla fantasia che stanno dietro ad ogni singolo capo.

Scapa resta fedele al suo stile inconfondibile fatto di bon ton, tradizione inglese e portabilità easy.

Ma per illuminare questa penombra che stiamo attraversando e che profondamente ci ferisce, ecco arrivare una tavolozza di colori e di tagli inaspettati.

I caftani (per favore non chiamiamoli camicioni)  fanno allegria chic in città come in vacanza, le gonne a ruota, così come si usa, sono rese uniche dalle fantasie, gli abiti/prendisole che parevano spariti dai nostri guardaroba. Il tutto può essere accompagnato e senza troppo sforzo con maglioncini in cotone, camicie o top. Non dimentichiamo di abbinare le stole in tessuti così leggeri e preziosi che da sole fanno la differenza e si possono “interpretare” in tanti modi diversi.

Non mancano i pantaloni sempre in stile Scapa, così inconfondibili se indossati con le classiche giacche di lunghezze diverse.

Molto interessanti le proposte in lino che nascono già con quella stropicciatura classica del filato e che danno al capo quel fascino particolare di ricercata nonchalance.

E’ stata voluta la scelta di dare, in questa stagione difficile, meno spazio ai completi da “cerimonia” che si sarebbero rivelati, troppo spesso, quasi superflui.

Eppure, eleganti e moderni lo si può essere sempre e comunque, perchè Scapa offre tantissime opzioni e tutte molto versatili.

Questo saper mixare e scegliere è uno dei più importanti (e gratificanti) esercizi di stile che una donna possa fare.

Comunque il supporto e la presenza di Maria Grazia Virzi e del suo staff sanno sempre consigliarci per il meglio.

 

 

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna