torna su
10/08/2020
10/08/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ancora cassonetti in fiamme a Roma

Due i roghi nella notte in zona Portuense. Intanto la sindaca, “Roma è sotto attacco e non siamo solo noi a dirlo”

Avatar
di Redazione | 2019-06-28 28/06/2019 ore 10:15

(immagine di repertorio)

Ancora cassonetti in fiamme a Roma dove da giorni va a rilento la raccolta dei rifiuti e in vari quartieri ci sono secchioni stracolmi. Due i roghi che si sono verificati a poca distanza alle 4: 30 in zona Portuense. Due cassonetti sono andati a fuoco in via Gandiglio e altri due in via del Colli Portuensi danneggiando lievemente un’auto in sosta. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della compagnia Eur che indagano. Da accertare le cause degli incendi. Analoghi episodi si sono verificati in altre zone della città nei giorni scorsi.

Intanto su Facebook la sindaca Virginia Raggi affronta il tema degli incendi negli impianti di raccolta e smaltimento dei rifiuti a Roma e spiega in un post: “Incendi nei Tmb, fuoco ai cassonetti, danni alle strutture e ai mezzi di Ama: Roma è sotto attacco e non siamo solo noi a dirlo. Parlano i dati, le inchieste e i report delle forze dell’ordine”, facendo riferimento a un’intervista al magistrato Roberto Pennisi, procuratore della Direzione nazionale antimafia che “fornisce la sua chiave di lettura, parlando di un possibile sabotaggio”.

Raggi chiarisce: “Gli incendi all’interno delle strutture di smaltimento e trattamento dei rifiuti, come dimostrano numerose indagini, sono un affare in mano alle cosiddette ecomafie. Affari milionari che coinvolgono tutto il ciclo dei rifiuti, a partire proprio dagli imprenditori che, spesso, hanno agito in modo illegale. Non solo mafiosi ‘con la coppola’, interni alle cosche, ma spesso piccole associazioni criminali a cui rivolgersi ‘al momento giusto’. Ma Roma rappresenta un caso unico: gli incendi non servivano a bruciare i rifiuti, ma hanno colpito direttamente le strutture pubbliche di Ama. Noi abbiamo reagito, abbiamo alzato la guardia, innalzando i livelli di sicurezza ed il monitoraggio sui nostri siti. Roma non si piega”.

La sindaca, infine, allegando un video, spiega: “Sui rifiuti è in corso una guerra: la guerra dei rifiuti. Qualcuno vuole riportare ‘l’apostata’ al ‘precedente credo’. La gestione dei rifiuti di Roma che, da sempre, si è fondata su una ‘commistione tra attività legali ed illegali’: queste sono le parole che la Procura nazionale antimafia utilizzava nel 2016 per descrivere la recente rottura di un ‘meccanismo’ perverso nel ciclo dei rifiuti. Fatto di amicizie ‘poco raccomandabili’ che alcuni privati utilizzano per smaltire in modo economico e veloce”.

La guerra dei rifiuti #SottoAttacco

Sui rifiuti è in corso una guerra: la guerra dei rifiuti.Qualcuno vuole riportare "l'apostata" al "precedente credo". La "gestione dei rifiuti di Roma, da tempo immemorabile, si è fondata su una "commistione tra attività legali ed illegali" ma oggi "si constata un inceppamento": queste sono le parole che la Procura Nazionale Antimafia utilizzava nel 2016 per descrivere la recente rottura di un "meccanismo" perverso nel ciclo dei rifiuti. Fatto di amicizie "poco raccomandabili" che alcuni privati utilizzano per smaltire in modo economico e veloce. Incendi nei Tmb, fuoco ai cassonetti, danni alle strutture e ai mezzi di Ama: Roma è #sottoattacco e non siamo solo noi a dirlo. Parlano i dati, le inchieste e i report delle forze dell’ordine. In questa intervista, realizzata dopo gli eventi che hanno distrutto il Salario e danneggiato Rocca Cencia, il magistrato Roberto Pennisi – procuratore della Direzione Nazionale Antimafia – fornisce la sua chiave di lettura, parlando di un possibile “sabotaggio”. Gli incendi all’interno delle strutture di smaltimento e trattamento dei rifiuti, come dimostrano numerose indagini, sono un affare in mano alle cosiddette eco-mafie. Affari milionari che coinvolgono tutto il ciclo dei rifiuti, a partire proprio dagli imprenditori che – spesso – hanno agito in modo illegale. Non solo mafiosi “con la coppola”, interni alle cosche, ma spesso piccole associazioni criminali a cui rivolgersi "al momento giusto".Ma Roma rappresenta un caso unico: gli incendi non servivano a bruciare i rifiuti, ma hanno colpito direttamente le strutture pubbliche di Ama. Noi abbiamo reagito, abbiamo alzato la guardia, innalzando i livelli di sicurezza ed il monitoraggio sui nostri siti. Roma non si piega.

Pubblicato da Virginia Raggi su Giovedì 27 giugno 2019

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23403 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014