E’ arrivato Pence vicepresidente Usa. Ma chi paga?

Diceva Totò: "e io pago..io pago...!" Già ma questo ed altri giretti, troppo frequenti e, spesso, inconcludenti, quanto costano alle nazioni e alla gente?

Ieri sera è arrivato a Roma Mike Pence, vicepresidente Usa.

La capitale, già quotidianamente strangolata dal traffico, vivrà due giorni di vera tortura!

Pence farà il solito tour istituzionale: Papa Francesco, Presidente Mattarella, Presidente Conte. Cambiano i personaggi vip della politica ma il giro, ormai, è più che consolidato negli anni.

Il Quirinale come Palazzo Chigi tireranno fuori il “red carpet” consueto, le rappresentanze militari faranno il loro saluto ecc.

E’ ovvio che questi GESTORI DEL MONDO devono dirsi delle cose IMPORTANTISSIME e determinanti (?) per il futuro ma, è necessario attraversare gli oceani, solcare i cieli (inquinando) e mettere in moto un’apparato di sicurezza che costa una fortuna?

Ecco, come per Davos, Berlino e gli altri infiniti summit, nasce una domanda spontanea e rancorosa: ma tutti questi leader (con infiniti seguito) non possono usare, diciamo, una banale VIDEO-CONFERENZA? (o similare)

No? E pensare che sarebbe altrettanto efficace, assolutamente più economica, incredibilmente più green e attuale!

Con tutti questi va e vieni politici (spesso a esito ZERO) gli stati e quindi la gente si vede “PRELEVARE” milioni e miliardi.

Ma non è indegno che una foto ricordo del “gruppone” debba costare così tanto al mondo intero?

Vergogna, doppia e tripla vergogna!!

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna