Salvini e la nuova definizione di muscolarità

Salvini per i media ormai fa rima con "muscolare" che non vuol dire un bel niente e forse nasconde l'impossibilità di affiancargli ben altre definizioni

cervello con pesi

Muscolari sono definiti i suoi pensieri. Muscolari i suoi proclami. Muscolari i suoi tweet, muscolari anche i selfie e i frequenti cambi di giacchetta, muscolari le sue “adunate”. Parliamo, ovviamente, di Salvini, che, con la sua ipotetica politica da “bar”, urlata, ripetuta e sempre uguale, colpisce i muscoli della pancia dell’Italietta tanto desiderosa di sentirsi forte.  Ma qui nasce il dubbio: muscoloso o muscolare? Bè ma di cosa parliamo? Se parliamo dei bicipiti del Matteo di turno caschiamo male. Con tutti gli impegni e i voli pindarici (e non) che affronta, la palestra dev’essere l’ultimo dei suoi pensieri. Quindi messa da parte la tartaruga salviniana dobbiamo ripiegare sul muscolare. Subito  pensiamo a Federer che abbandona gli Internazionali di Roma per un problema al  muscolo della gamba. 

Ahi ahi ahi che confusione e cattivo uso dei termini, soprattutto se l’obbiettivo è il vice premier. I muscoli del nostro corpo sono circa 800. Escludiamo pure il cuore, che in questa occasione c’entra come un mitra a merenda. Mentre il “muscolo cervello” dovrebbe avere anche per l’attuale Matteo il compito di immagazzinare le memorie “storiche” e, soprattutto, permettere di ragionare, di programmare le azioni anche a lunga scadenza con lucidità, senza “grida” fatali per la nazione, informando, inoltre, la sua coscienza della posizione di politico, e non di banditore, che occupa.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna