torna su
22/03/2019
22/03/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Come ti divento bella, foto e recensione del film

Avatar
di Chiara Laganà | 21/08/2018 ore 14:07

Come ti divento bella vi aspetta da domani al cinema, distribuito da Lucky Red e Universal Pictures, ed è una deliziosa commedia che ci insegna ad accettarci con protagonista una sempre straordinaria Amy Schumer. 

“Non è bello ciò che bello, ma è bello ciò che piace” sembra essere il motto della commedia diretta da Abby Kohn e Marc Silverstein: Renee (Amy Schumer) è una donna introversa e fortemente insicura e, come molte, ha qualche difficoltà ad accettarsi finché durante una lezione di fitness sbatte la testa e diventa sicura di sé e ottiene il lavoro dei suoi sogni. 

Da web editor chiusa in uno scantinato a nuovo volto e consigliera di Avery Leclair (una sempre meravigliosa Michelle Williams, protagonista di Manchester By The Sea), la manager che dirige la casa di cosmetici che porta il nome della nonna Lily. Renee ha anche un rinnovato successo con l’altro sesso e trova anche un ragazzo Ethan (lo stand up comedian Rory Scovel) attratto dalla sua sicurezza e sfrontatezza.

 Amy Schumer è la donna perfetta per affrontare il ruolo da protagonista in questa commedia deliziosa e divertente scritta da Abby Kohn, già autrice di altri capisaldi delle rom-com come Mai Stata Baciata, Single ma non troppo, scritti insieme a Marc Silverstein, entrambi sono alla prima prova come registi. Schumer ha anche prodotto il film:

“Renee è un mix di me stessa e di tutte le persone che mi sono vicine, fa capire che vorremmo che i nostri migliori amici potessero vedersi così come li vediamo noi. Renee non sa nemmeno di avere questo potenziale. Spero che guardare la sua evoluzione possa aiutare qualcun altro”. 

In Come ti divento bella, la situazione si capovolge e chi prima era considerato “poco attraente o poco sicuro di sé” aiuta a superare le proprie ansie e insicurezze chi all’apparenza è perfetto: ecco che Renee consola nello spogliatoio della palestra Mallory (Emily Ratajkowski) e in ufficio la sua capa e mentore Avery – fasciata in abiti stupendi di stilisti famosi fra cui uno splendido tubino di Dolce & Gabbana pieno di labrador – che gli altri non riescono a prendere troppo sul serio a causa della sua voce stridula:

“Ha una voce diversa da tutti gli altri, è il capo, una che ottiene sempre quello che vuole, ha studiato e viaggiato a lungo, ma viene anche derisa per lo sfortunato timbro vocale”.

Una voce che Michelle Williams ha improvvisato sul set, come molti degli sketch del film, come ha spiegato la regista del film:

“La maggior parte delle volte giravamo le scene come da copione, poi permettevamo agli attori di sperimentare le battute o altre cose. Volevamo essere aperti a tutti i modi in cui poteva svilupparsi ciascuna scena e al contributo che ognuno poteva offrire”.

Ed è davvero un film molto divertente Come ti divento bella, ma nasconde una missione “serissima”: insegna le donne e gli spettatori che per quanto sia difficile, accettare se stessi è la vera bellezza. 

“La cosa che mi ha attratta di questo film – racconta la protagonista e produttrice Amy Schumer – è stato il messaggio. È esattamente quello che volevo comunicare, proprio al momento giusto. Tutto quello che voglio è far ridere la gente e farla stare meglio e credo che questa storia ci riesca perfettamente”.

Ed è proprio così, Come ti divento bella vi aspetta in sala dal 22 agosto, distribuito da Lucky Red e Universal Pictures.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
709 articoli

Chiara Laganà

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014