19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Addio Fottuti Musi Verdi, l’esordio dei The Jackal al cinema

La società di video partenopea protagonista di una commedia divertente a metà. Il film, da domani al cinema, presentato ad Alice nella Città

Ciro, Matilda e Fabio, tre creativi per salvare il mondo

Addio Fottuti Musi Verdi segna l’esordio per The Jackal sul grande schermo. Il gruppo di comici napoletano è protagonista del film in uscita il 9 novembre in sala. Addio Fottuti Musi Verdi è stato presentato a Roma ad Alice nella città, il festival per giovanissimi all’interno della Festa del Cinema di Roma, dai protagonisti e dal regista Francesco Ebbasta, all’anagrafe Francesco Capaldo.

Francesco Ebbasta ha diretto il film ed è lui il regista dei numerosi video virali realizzati dalla società di videomaker campana. Francesco ha conosciuto sui banchi di scuola Ciro Priello, il protagonista del film e del video, e Ruzzo Simone, un altro dei protagonisti del film e co-autore del soggetto.

Addio Fottuti Musi Verdi è ambientato a Napoli, dove tre creativi Ciro, Matilde e Fabio fanno dei lavoretti per tentare di sopravvivere. Ciro, con una laurea in Scienze della Comunicazione, è costretto a puzzare di fritto in un ristorante specializzato in frittura e gestito da un cuoco cinese. La svolta per Ciro arriva quando invia il curriculum e diventa il grafico all’interno di un’astronave.

Il passaggio dai video virali con all’attivo milioni di visualizzazioni (Gli effetti di Gomorra sulla Gente, Gli effetti di Despacito sulla gente solo per fare alcuni titoli) al grande schermo non è stato facile:

“Non volevamo fare uno sketch web dilatato, il film è ricco di omaggi ai fan che ci seguono da dieci, ma la storia è a sé. Non volevamo fare Gli effetti di Gomorra il film”, ha spiegato Ciro Priello, il protagonista del film e delle clip dei The Jackal.

Addio Fottuti Musi Verdi è pieno di chicche per i fan affezionati e per chi non conosce il gruppo di videomaker napoletani. Il film è una sorta di sci-fi comico con un inedito Gigi D’Alessio nei panni di un alieno:

“La parodia nasce da questo, rendere grotteschi i generi e giocarci. Abbiamo mantenuto qualcosa di surreale e della commedia napoletana che ci caratterizza”.

Il film è però riuscito a metà, bellissima la trovata di inviare dei creativi nello spazio, ma il film appare poco convincente nonostante gli sforzi dei giovani protagonisti, ai quali si aggiunge anche la non partenopea Beatrice Arnera, recentemente vista in Non c’è campo.

Addio Fottuti Musi Verdi riesce comunque a fare sorridere, forte della comicità che ha reso i video dei The Jackal fra i più apprezzati e cliccati sul web. Qual è il segreto del loro successo?

“Ti direi il divertimento, è una delle cose principali della The Jackal, oltre a essere amici, è una droga”, spiega Ciro Priello.

“C’è poi una ricerca immensa, la cura dei dettagli, non c’è un ingrediente segreto, ma c’è una costanza e un lavoro approfondito”, aggiunge Fabio Balsamo, nel film regista di video di prediociottesimi.

Dietro Addio Fottuti Musi Verdi c’è la premiata ditta The Jackal, una macchina creativa che ha creato video visualizzati da milioni utenti online ben oleata, dove tutti hanno un compito e “dove si dà spazio alle idee”.

In Addio Fottuti Musi Verdi ci sono anche Fortunato Cellino e Salvatore Esposito, due delle star di Gomorra:

“Hanno letto il copione e si sono detti entusiasti, è stato bello averlo con noi. Si sono divertiti tantissimo anche loro e si sono divertiti insieme a noi”, ha spiegato Ciro Priello.

Sull’inedita versione di Gigi D’Alessio i The Jackal non vogliono parlare. Addio Fottuti Musi Verdi è un film su cui il gruppo sta lavorando da due anni e non i The Jackal non temono le critiche negative o se preferite un effetto The Pills:

“Non abbiamo paura se il film verrà etichettato come brutto perché veniamo dal web fa dispiacere. Sappiamo che può piacere o non piacere, non abbiamo paura, ma speriamo che il film convinca un terzo delle persone che già dicono che sia brutto. La The Jackal è una società di video produzione, siamo abituati a essere etichettati come YouTubers, abbiamo la scorza abbastanza dura per le critiche di questo genere”.

Addio Fottuti Musi Verdi schiaccia l’occhio ai film fantascientifici e c’è anche un robot fra i protagonisti:

“È stato divertente lavorarci, speriamo che il look sia soddisfacente. È impossibile stare dietro le produzioni Marvel, per me funziona anche perché una commedia. Vogliamo capire come il pubblico la prenda, questa è la mia sorpresa”, conclude Alfredo Felco, autore del soggetto.

La sorpresa è anche quella di pubblico e critici, riusciranno i The Jackal a sfondare anche al cinema? Appuntamento in sala dal 9 novembre con Addio Fottuti Musi Verdi.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014