torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ama, si allungano i tempi medi per i pagamenti

Nel primo trimestre del 2017 i giorni per saldare una fattura sono saliti a 118 contro i 76 dello stesso periodo nel 2016

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2017-10-20 20/10/2017 ore 11:30

La sede di Ama

Ama paga, ma sempre più in ritardo. La municipalizzata dei rifiuti, alle prese con un piano industriale ancora tutto da attuare, come ammesso giorni fa dallo stesso numero uno Lorenzo Bagnacani, ha quasi raddoppiato i tempi medi di pagamento per le fatture. Il dato è contenuto in una tabellina contenente gli “indicatori di tempestività dei pagamenti”, espressi i giorni.

Ebbene, se ne le quarto trimestre del 2016 ci volevano in media 92 giorni per onorare un pagamento, nel 1* trimestre del 2017 i tempi si sono allungati a 118 giorni. Addirittura nei primi tre mesi del 2016 la tempistica media per saldare una fattura era scesa a 76 giorni. Ancora più brevi i tempi di pagamento a fine 2015, 41 giorni.

Certo, qualche passo in avanti in Ama è stato comunque fatto. Guardando alla media annuale infatti, se ne 2014 i tempi medi erano di 142 giorni, nel 2015 erano scesi a 101 per poi calare ancora a 95. C’è da chiedersi come si chiuderà il 2017, visto che le premesse non sono buone.

Intanto a cinque mesi dalla sua nomina al vertice dell’Ama, Bagnacani traccia una prima linea sul futuro della municipalizzata, i cui problemi di raccolta e smaltimento dei rifiuti sono lontani dall’essere risolti. Approfittando di un movimentato e teso consiglio straordinario sui rifiuti dedicato anche ai guai di Ama e al suo migliorabile piano industriale, Bagnacani ha fornito all’Aula indicazioni sulle prossime operazioni di Ama per migliorare il servizio. O provarci almeno.

Prima questione, i mezzi, pochi e vecchi. “Stiamo acquistando mezzi e stiamo attuando quello che è il Piano industriale di Ama. Il piano è perfettibile e su questo sto operando per un’Ama del domani”. Da qui ai prossimi tre quattro mesi “la nostra flotta potrà beneficiare di circa 160-180 mezzi nuovi“, ha spiegato il manager, precisando come tale situazione “consentirà di ripristinare un livello di servizio sufficiente fino ad arrivare a un livello di servizio eccellente se negli anni andiamo ad applicare il nostro piano industriale con investimenti importanti sui me”.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014