Atac resiste alla pandemia, perdite limitate a 22 milioni

Nell'anno della pandemia la municipalizzata limita i danni, anche grazie ai contributi dello Stato. Ricavi a quota 891 milioni

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse 09-09-2020 Roma , Italia Cronaca Presentazione +BusXRoma e novità sul trasporto pubblico locale per la periferia est della città Nella foto: Virginia Raggi Sindaco di Roma e l’Amministratore unico di Atac Giovanni Mottura Photo Mauro Scrobogna /LaPresse September 09, 2020  Rome, Italy News Presentation + BusXRoma and news on local public transport for the eastern outskirts of the city In the photo: VirginaRaggi Mayor of Rome and the CEO of Atac Giovanni Mottura

Atac di lotta e di pandemia. La municipalizzata dei trasporti fino a tre anni fa con un piede nella fossa, tiene botta, nonostante la pandemia e attutisce le perdite dopo l’utile di 7,6 milioni del 2019. È stato infatti redatto il progetto di bilancio dell’esercizio 2020, che l’azienda proporrà al socio unico Roma Capitale per gli adempimenti volti alla sua approvazione. Il risultato di esercizio dimostra la solidità della gestione, limitando le perdite (-22 milioni di euro) a fronte dei mancati ricavi da mercato (meno 174 milioni rispetto al 2019) dovuti all’emergenza sanitaria che ha investito il Paese.

Sia pure in presenza dei rilevanti impatti derivanti dall’emergenza sanitaria e della netta flessione della domanda di trasporto, il valore della produzione è di 891,3 milioni, dopo aver scontato ammortamenti, svalutazioni immobilizzazioni e crediti, accantonamenti, oneri finanziari netti e imposte per complessivi 108 milioni di euro. Si registra, inoltre, nel 2020 un Margine Operativo Lordo comunque positivo (86,4 milioni, contro i 92 del 2019, pari al 9,6% del valore della produzione, in linea con i livelli del piano industriale concordatario), sul cui livello ha peraltro influito negativamente un fattore non ricorrente, rappresentato dalla scelta prudenziale di accantonare circa 10 milioni al costo del personale, per tener conto del futuro pagamento “una tantum” volto a compensare il mancato rinnovo, dal 2017, del CCNL di categoria.

Ovviamente, l’andamento positivo della gestione caratteristica di Atac, guidata da Giovanni Mottura, ha, come in tutte le aziende di settore, beneficiato del parziale ristoro della perdita dei ricavi da titoli di viaggio attraverso contributi a carico dello Stato, che nel 2020 sono stati pari a 65 milioni, a fronte di una riduzione dei ricavi rispetto al 2019 ben superiore. Inoltre, sul segno positivo della gestione operativa ha influito la componente dei corrispettivi da contratto di servizio riconosciuti da Roma Capitale, in aumento rispetto al 2019 per 45 milioni, anche per effetto delle norme introdotte dal Governo sul riconoscimento dei servizi programmati nei contratti stessi.

E il Concordato? “Nel corso del 2020 si rammenta che Atac ha versato agli organi della procedura concordataria le somme che hanno permesso di pagare i 117 milioni di euro dovuti ai creditori privilegiati, rispettando quindi una delle principali obbligazioni previste dal percorso concordatario”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna