Discarica di Albano, il sindaco: “La lotta continua, in attesa della sentenza del Tar”

Prevista per il 6 settembre. Il primo cittadino promette che in questo mese il comune effettuerà "un monitoraggio costante per la tutela del nostro territorio e della salute dei nostri concittadini"

Il sindaco di Albano Laziale, Massimiliano Borelli, insieme ai residenti in protesta all'ingresso dei primi camion provenienti da Roma nella discarica (2 agosto 2021)

Il sindaco di Albano Laziale, Massimiliano Borelli, che ieri mattina ha partecipato al presidio dinanzi alla discarica annuncia che “la lotta continuerà nelle sedi legali”.

In un post su Facebook Borelli scrive: “Un primo camion questa mattina (ieri mattina ndr) è entrato nel sito di discarica. Io ero lì presente, ancora una volta, insieme ai cittadini, ai miei assessori e consiglieri a ribadire che noi l’immondizia di Roma non la vogliamo. Abbiamo verificato che tutti i permessi e le autorizzazioni relative al rifiuto fossero in regola, che la pesa all’interno del sito fosse collaudata. Abbiamo richiesto la presenza della Asl, che era sul posto, e dei tecnici dell’Arpa, che sono sopraggiunti, e tutto questo ha ritardato l’ingresso del camion di circa 4 ore. Ma una pubblica amministrazione non può esimersi dar rispettare la legge. La nostra lotta continuerà – conclude – nelle sedi legali, in attesa del 6 settembre, con il ricorso al Tar, attraverso i controlli e il monitoraggio costante e attento per la tutela del nostro territorio e della salute dei nostri concittadini”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna