Atac, dopo sei mesi arriva il bando per il dg

Ad agosto se ne era andato Rettighieri, in rotta con la Raggi. Poi mesi di silenzio. Il nuovo dg guadagnerà 140 mila euro all'anno

Un bus Atac

Era il mese di ottobre quando sembrava fatta per il nuovo dg dell’Atac, rimasta orfana della sua figura operativa dopo l’addio polemico di Marco Rettighieri. E invece oggi dopo quasi mesi di silenzio dalla municipalizzata è arrivata l’attesa notizia. Il bando (qui il documento) per la ricerca del nuovo dg è stato finalmente pubblicato.

“La selezione esterna – che avrà luogo se la ricerca già avviata all’interno delle aziende del gruppo Roma Capitale non darà esito – richiede candidati con un alto profilo professionale.
I requisiti, infatti, ‎prevedono, tra l’altro, che il candidato ideale “deve aver maturato una significativa esperienza in posizioni apicali quale amministratore delegato/direttore generale in società industriali di servizi del settore di trasporto pubblico locale, con particolare specializzazione professionale e scientifica desumibile da concrete esperienze di lavoro”, si legge nella carte.
Quanto alla retribuzione è fissata a 140 mila euro spalmata su 13 mensilità, più ovviamente i bonus. “Potrà, altresì, essere eventualmente corrisposto un premio per incentivi, solo previa determinazione degli obiettivi, secondo le metodologie adottate dall´azienda, correlato e commisurato al grado di raggiungimento degli stessi in coerenza con il Budget ed il Piano Industriale, nei limiti previsti dagli indirizzi emanati da Roma Capitale”.
Ora c’è da chiedersi: riuscirà il nuovo dg a rimettere in sesto la municipalizzata? E magari a far fruttare al meglio i nuovi bus appena arrivati? In questi giorni è stato in fatti aggiudicato il maxi-bando da 51 milioni per la fornitura in leasing di 150 bus, lunghi tra i 12 e i 18 metri. Di questi già una ventina sono stati consegnati alla municipalizzata, mentre per gli altri mezzi bisognerà aspettare ancora qualche settimana.A vincere la gara sono state due importanti aziende, una romana, l’altra italo-statunitense. Da una parte la Romana Diesel spa, sita sulla Collatina, l’altra è la Cnh Industrial, del gruppo Fiat-Chrysler.

Il tutto accade mentre l’azienda si dota anche del nuovo capo del personale, dopo l’uscita di Francesca Rango (qui l’anticipazione a settembre di Radiocolonna.it).

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna