torna su
21/04/2021
21/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Golden Globe 2018, trionfo per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Cerimonia in nero per manifestare contro gli abusi. Delusione per Guadagnino, tutti i vincitori di cinema e TV. A Oprah il premio alla carriera

Avatar
di Chiara Laganà | 2018-01-8 8/01/2018 ore 10:36

Il produttore, il regista e il cast di Tre manifesti a Ebbing, Missouri ringrazia dopo aver vinto il Golden Globe per il miglior film

Ai Golden Globe 2018 è stato un trionfo per Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Il film di Martin McDonagh ha vinto quattro statuette su sei nomination, il titolo indipendente americano ha vinto nelle categorie: miglior film drammatico, attrice protagonista, attore non protagonista e sceneggiatura per lo stesso Martin McDonagh.

Delusione per il nostro Chiamami col tuo nome e per il film che aveva raccolto più nomination, The Shape of Water – La forma nell’acqua che si aggiudica due solo statuette: la miglior regia per Guillermo Del Toro e la migliore colonna sonora firmata da Alexandre Desplat.

In ambito televisivo, invece, Big Little Lies e La fantastica signora Maisel si sono divisi i premi per la TV: quattro per la serie drammatica di HBO (migliori attrici a Nicole Kidman e Laura Dern, miglior miniserie TV e miglior attore non protagonista ad Aleksander Skarsgard).

La cerimonia è stata all’insegna del colore nero per manifestare contro i maltrattamenti e gli abusi. Nero è il colore che hanno indossato quasi tutte le attrici, mentre gli uomini hanno portato sulle loro giacche la spilla di Time’s Up, il movimento fondato da alcune attrici che aiuta le donne vittime di abusi. Time’s Up (il tempo è scaduto) ha creato un fondo di difesa per le donne e vuole aiutare tutte quelle meno privilegiate che sono state vittime di violenza. Un movimento fondato da una serie di volti amatissimi: Reese Whiterspoon, Eva Longoria, Brie Larson, Eva Longoria e Natalie Portman.

Otto attrici sono state accompagnate ieri da attiviste: Michelle Williams era insieme alla fondatrice del movimento #MeToo Tarana Burke; Meryl Streep era insieme ad Ai-Jen Poo, a capo dell’unione National Domestic Workers Alliance (che si occupa delle donne che volgono lavori domestici); Emma Watson ha attraversato il tappeto rosso con Marai Larasi, a capo di Imkaan, un’organizzazione britannica che lotta contro le violenze su donne che appartengono a minoranze etniche; Emma Stone era insieme a Billie Jean King; Laura Dern con Mónica Ramírez, la co-fondatrice di Alianza Nacional de Campesinas; Susan Sarandon era insieme a l’attivista Rosa Clemente, Shailene Woodley con Calina Lawrence, Amy Poehler con l’attivista Saru Jayaraman. Anche il premio alla carriera a Oprah Winfrey è un segno che le donne sono state le protagoniste della 75esima edizione dei Golden Globe.

L’host della serata, Seth Meyers, ha accennato anche a Kevin Spacey e ad Harvey Weinstein nel suo monologo di apertura, sul produttore ha detto: “Parliamo dell’elefante che non è nella stanza, ma tranquilli ricorderemo Harvey Weinstein fra vent’anni quando lo copriremo di boo durante il segmento In Memoriam”.

Tutti i vincitori dei Golden Globe 2018:

Miglior film drammatico
Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior attrice in un film drammatico
Frances McDormand per Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior attore in un film drammatico
Gary Oldman per L’Ora Più Buia 

Miglior film musicale o commedia
Lady Bird

Miglior attrice in un film commedia o musical
Saoirse Ronan per Lady Bird

Miglior attore in un musical o commedia
James Franco
per The Disaster Artist

Miglior film d’animazione
Coco

Miglior film straniero
In The Fade, Fatih Akin (Germania)

Miglior attrice non protagonista in qualsiasi film
Allison Janney
per I, Tonya

Miglior attore non protagonista in qualsiasi film
Sam Rockwell
per Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior Regia
Guillermo Del Toro per The Shape of Water

Miglior Sceneggiatura
Martin McDonagh per Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior colonna sonora
Alexandre Desplat
per The Shape of Water

Miglior canzone originale
This Is Me, Benji Pasek e Justin Paul (The Greatest Showman)

I vincitori per la TV

Miglior serie TV drammatica
The Handmaid’s Tale

Miglior attrice in una serie Tv drammatica
Elisabeth Moss,
The Handmaid’s Tale

Miglior attore in una serie TV drammatica
Sterling K. Brown,
This Is Us

Miglior sitcom o serie TV musical
The Marvelous Mrs. Maisel (La fantastica Signora Maisel)

Miglior attrice in una sitcom o musical
Rachel Brosnahan,
The Marvelous Mrs. Maisel

Miglior attore in sitcom o serie TV musical
Aziz Ansari
, Master of None

Miglior miniserie o film TV
Big Little Lies

Miglior attrice in una miniserie o film TV
Nicole Kidman, Big Little Lies

Miglior attore in una miniserie o film TV
Ewan McGregor,
Fargo

Miglior attrice non protagonista in una serie TV, miniserie o film TV
Laura Dern,
Big Little Lies

Miglior attore non protagonista in una seire TV, minserie o film TV
Alexander Skarsgård,
Big Little Dies

Cecile B. De Mille Award
Oprah Winfrey

Per chi non ha voluto fare le ore piccole, stasera su L’8 saranno trasmessi i momenti salienti della premiazione di ieri notte. L’appuntamento è con gli Oscar, il prossimo 4 marzo, mentre le nomination saranno rese note il prossimo 23 gennaio.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014